Età moderna = periodo nel quale si sono svolti importanti avvenimenti politici che hanno portato alla

formazione della società contemporanea

– caratterizzato anche dal processo di formazione degli stati nazionali

Rivoluzioni dell’età moderna = necessarie per l’affermazione  dello stato liberale e della borghesia come

classe dominante – di pari passo con le riflessioni e le teorie degli

intellettuali

Stato Moderno  = 1400-1500 Stato Macchina, autonomo: non importa se repubblica o monarchia

1500-1700 Evoluzione: lo stato passa da assoluto a liberale – in Europa si svolgono una

serie di rivoluzioni che si collocano nella storia della costruzione  dello stato

liberale e dell’affermazione della borghesia

Passaggio fondamentale per le rivoluzioni europee 1576-1789

1576 Rivoluzione Olandese = Province unite che poi saranno riconosciute, cultura capitalistica – si

vuole sottrarre al parassitismo della Spagna e si ribella: il malessere popolare

si unisce al desiderio di autonomia della nobiltà, e i calvinisti influenzano la

ribellione contro l’assolutismo, che prima trionfa in Olanda e poi si estende

alle altre province, dopo la sconfitta delle truppe spagnole, fino alla firma

della Pace di Gent

1640-1688 Rivoluzione Inglese (I e II) = Pone il modello della Monarchia Parlamentare – Adattato e imitato

nel 1700 in Europa con l’opposizione delle classi aristocratiche

Il XVII secolo vede numerosi e importanti avvenimenti per le Isole

britanniche che saranno di fondamentale importanza per gli sviluppi

socio-politici dei secoli futuri.

I tentativi assolutistici degli Stuart

verranno annientati dalla consapevolezza politica del popolo inglese

durante le due rivoluzioni inglesi, il che porterà alla nascita del

primo stato liberale europeo già a partire dal 1688

– Il re “regna ma non governa”

Nel 1600 iniziano a formarsi contrasti tra la corona e

il parlamento,  l’accentuazione da parte del re delle tendenze

assolutistiche e con concessioni ai cattolici a sfavore dei

protestanti, i quali si concluderanno con la condanna a morte del re

e l’instaurazione della prima repubblica: il Commonwealth

Il parlamento fu ridotto a una sola camera dei comuni (vittoria della

borghesia) – figura dominante è O. Cromwell che però si trasforma

presto in una despota avente tutti i poteri del parlamento e cercò

di imporre con la repressione il metodo repubblicano, nello stesso

tempo capo dello stato e capo dell’esercito : si scontra con la

borghesia, alla sua morte viene legittimato il ritorno del re e viene

instaurata la monarchia parlamentare

1775 Rivoluzione Americana = lotta per l’indipendenza – partecipazione dell’intera Europa

La guerra di indipendenza americana, chiamata anche rivoluzione americana

fu il conflitto che, tra il 1775 e il 1783, oppose le tredici colonie

nordamericane, diventate successivamente gli Stati Uniti d’America, alla loro

madrepatria: la Gran Bretagna.

Nel corso della guerra le grandi potenze si schierarono su diversi fronti,

portando il conflitto anche in Europa.

1789 Rivoluzione Francese = attraverso questa guerra la Francia arriva alla monarchia parlamentare

Dalla morte di Luigi XIV, che aveva intrapreso una aggressiva politica

espansionistica destinata al fallimento, rafforzando la monarchia assoluta

impersonata in particolare dal cardinale Richelieu, comincia una lenta fase di

decadenza per la Francia, che culmina con lo scoppio della Rivoluzione

Francese – Le principali e più immediate conseguenze della rivoluzione

francese (che costituì un momento di dell’epoca cambiamento nella storia del

mondo) furono l’abolizione della monarchia assoluta e la proclamazione della

repubblica, con l’eliminazione delle basi economiche e sociali dell’antico

regime.

La rivoluzione francese e quella americana ispirarono le rivoluzioni a connotazione borghese, liberali e

democratiche che seguirono nel XIX secolo.

Annunci